Associazione "Prema Dham" B&B - Centro Culturale e Spirituale L''Evoluzione della Coscienza Olistica
Associazione "Prema Dham"          B&B - Centro Culturale e Spirituale          L''Evoluzione della Coscienza Olistica

Meditazioni e riflessioni per conoscere meglio Sé stessi ed il Mondo che ci circonda

3 Gennaio 2016

Tratto da "Divina Beatitudine" di Swami Sivananda

 

Il processo della meditazione

 

La mente e l’intelletto sono strumenti finiti. La ragione è finita, non può penetrare l’Infinito. Solo l’intuizione può farlo.

La meditazione conduce all’intuizione, la meditazione è la chiave che schiude il divino o Atman nascosto in tutti i nomi e in tutte le forme.

Nessuna conoscenza è possibile senza meditazione. L’aspirante mette in movimento la sua anima e la Verità si fa manifesta.

Attraverso la pratica regolare della meditazione, il vostro livello gradualmente cresce. La fiamma divina diventa sempre più splendente.

Gradualmente, la meditazione vi offre la luce eterna e l’intuizione. Con la pratica costante di concentrazione e meditazione, la mente diventa trasparente e pura come un cristallo. Quando ci si comincia a ritirare dentro se stessi, il baccano provocato dalla ricerca delle cose mondane diventa sempre più debole.

Su questo nuovo piano ci sono delle leggi: la musica diventa diversa, le note sono molto dolci, tutto sembra pervaso da qualcosa di migliore.

Lo splendore del risveglio spirituale cambia le prospettive e si comincia a cercare devotamente ciò che porterà gioia e pace reali e durature . Pertanto, la ricerca di vantaggi materiali ed immediati diventa meno urgente.

La meditazione conduce sempre più all’interno di se stessi, dal grossolano al sottile, dal sottile all’ancora più sottile e quindi al più sottile possibile, lo Spirito Supremo.

Andando al di là della coscienza del corpo grazie alla meditazione sul Signore, si ottiene il dominio universale, tutti i desideri vengono soddisfatti.

La meditazione è l’unica via reale, corretta, per raggiungere l’immortalità e la beatitudine eterna. Pace e beatitudine non si trovano nei libri, nelle chiese o nei monasteri, esse si realizzano quando appare la Conoscenza dell’Atman.

Perché leggete così tanti libri? Non servono a niente: il grande libro è all’interno del vostro cuore. Aprite le pagine di questo inesauribile libro, la fonte di tutta la conoscenza, e saprete ogni cosa.

Chiudete gli occhi, ritirate i sensi, calmate la mente, fate tacere i pensieri che si agitano, arrestate le onde della mente. Unitevi profondamente all’Atman o Sé, l’Anima Suprema, la Luce delle luci, il Sole dei soli. Tutta la conoscenza vi verrà rivelata, tutti i dubbi svaniranno, tutti i tormenti mentali spariranno, tutte le discussioni incandescenti, i dibattiti accesi avranno termine. Resteranno solo Pace e Jnana.

Tutti i nomi e tutte le forme spariscono nella meditazione profonda. Si acquisisce coscienza dello spazio infinito. Ma anche questa svanisce. Si arriva al nulla. Improvvisamente appare l’illuminazione, il Nirvikalpa Samadhi.

 

La beatitudine del Samadhi

 

Il Nirvikalpa Samadhi è la realizzazione del valore più elevato. Durante il Nirvikalpa Samadhi la Realtà viene intuita nella sua interezza. È l’esperienza di unità con l’assoluto. Si raggiunge la supercoscienza di Brahma, che sostituisce la coscienza immobile del Jiva.

L’esperienza della pienezza viene chiamata Samadhi. Essa è libertà dal dolore. È beatitudine assoluta.

Samadhi non è l’abolizione della personalità, ne è piuttosto il completamento. In quello stato di illuminazione suprema si percepisce l’unità del soggetto e dell’oggetto. Non si vede altro, non si sente altro, non si sa altro.

È la conoscenza stessa ad illuminare. Dopo quell’illuminazione non è più necessario che facciate nulla

Sapere è essere, sapere ed essere non possono essere separati. Cit e Sat sono un’unica cosa. Dove la conoscenza e l’esistenza assolute prevalgono, lì è anche la beatitudine assoluta.

La beatitudine della Realizzazione del Sé non può essere descritta a parole. La tranquillità imperturbabile, la pace suprema senza alterazioni, luce e beatitudine purissime, questo è ciò che appare nella Realizzazione del Sé.

I piaceri dei sensi non sono nulla, se li confrontiamo con la beatitudine della meditazione e del Samadhi. Elevatevi al di sopra della vita dei sensi, svegliatevi e capite di essere l’Atman puro, immortale. Osservate l’unico Atman in tutti gli esseri e conseguite l’immortalità e l’eterna beatitudine.

Cercate di sentire tutto il possibile riguardo l’Atman o Anima. Poi capite l’Atman. Poi riflettete sull’Atman. Poi meditate sull’Atman. Poi realizzate l’Atman. Tat Tvam Asi: Quello Tu Sei.

 

Tu sei l’Atman! L’Atman è Te. Capite questo e siate liberi, niente può impedirvi di realizzare la vostra natura essenziale.

La Realizzazione del Sé non è un’invenzione, è solo la scoperta del Sé. È conoscere il proprio Sé, è consapevolezza.

La Realizzazione del Sé non è qualcosa che si può conseguire dal nulla, non avete bisogno di conseguire l’Atman o il Sé: in realtà voi siete l’Atman o Essere Supremo, dovete soltanto aprire i vostri occhi interiori.

La filosofia Vedanta richiama l’individuo alla propria libertà, alla propria gloria e alla propria dignità. Imparate a conoscere questa fonte di libertà, la radice della beatitudine, e siate liberi.

La beatitudine è, in verità, la vostra vera essenza. La beatitudine è il vostro diritto di nascita, voi siete gli eredi gloriosi della beatitudine infinita. Realizzate questa beatitudine adesso, in questo stesso istante.

Non cercate all’esterno la luce, la pace, la gioia e la beatitudine, ma cercatela dentro di voi. Moksha, la salvezza, non è né in Cielo né sul monte Kailash. L’inesauribile, supremo tesoro divino, la perla dell’Atman, è racchiuso nei recessi del vostro cuore, nello scrigno del silenzio. Scoprite la vera Realtà nel cuore profondo

della vostra soggettività, nella profondità del vostro essere.

OM TAT SAT

HARE KRSHNA

5 Agosto 2015

 

Unità dell’esistenza

Una sola Anima risiede in tutte le cose. C’è una sola umanità, una sola fratellanza. Un solo essere Atman. Nessuno è in alto, nessuno è in basso, tutti sono uguali. Le distinzioni sono vane. Le barriere create dall’uomo dovrebbero essere abbattute senza pietà. Solo allora ci sarà pace in questo mondo.

C’è una sola casta, la casta dell’umanità. C’è una sola religione, la religione dell’amore. C’è un solo comandamento, il comandamento della verità. C’è una sola legge, la legge di causa ed effetto. C’è un solo Dio, il Signore onnipresente, onnipotente e onnisciente. C’è un solo linguaggio, il linguaggio del cuore o il linguaggio del silenzio.

Tutta la vita è una. Il mondo è un’unica casa. Siamo tutti membri di un’unica famiglia umana. Tutta la creazione è un intero organico e nessun uomo è indipendente da quell’intero. L’uomo può rendere la sua vita infelice separandosi dagli altri. La separazione è morte. L’unità è vita eterna. Coltivate l’amore cosmico, includete tutto, abbracciate tutto. Riconoscete il valore degli altri. Distruggete tutte le barriere, i pregiudizi razziali, religiosi e naturali che separano l’uomo dall’uomo. Riconoscete i principi non dualistici, l’essenza immortale all’interno di ogni creatura. Proteggete gli animali, fate che ogni vita sia sacra. Allora questo mondo sarà un paradiso di bellezza, un paradiso di pace e tranquillità.

Se un solo Atman risiede in tutti gli esseri viventi, allora perché odiate gli altri? Perché trattate gli altri con scherno e irritazione? Perché usate parole aspre? Perché cercate di dominare gli altri? Perché sfruttate gli altri? Perché siete intolleranti? Non è forse il culmine della vostra follia? Non è pura ignoranza?

Imparate a vivere come membri di un’unica famiglia, difendete l’ideale di un’unica umanità. Vivete in pace in un unico mondo. Siamo tutti figli di Dio. Il mondo intero è un’unica famiglia di Dio. Imparate a sentirlo, a realizzarlo. Siate felici.

Osservate l’Uno-in-tutto e il tutto-in-Uno. Sentite “Io sono il tutto” e “Io sono in tutto”. Sentite “Tutti i corpi sono miei”. L’intero mondo è il mio corpo, la mia dolce casa. Sentite “Io lavoro in tutte le mani, mangio in tutte le bocche”. Sentite “Io sono il Sé immortale in tutti”. Ripetete mentalmente queste formule varie volte al giorno. Ripetete mentalmente OM e sentite l’unicità della vita o unità della coscienza quando giocate a calcio o a tennis, quando mangiate o bevete, quando parlate e cantate, quando sedete o camminate, quando vi lavate e vi vestite, quando scrivete una lettera, quando lavorate in ufficio, quando andate al bagno. Spiritualizzate ogni movimento, ogni azione, ogni pensiero e ogni sentimento. Trasformateli in Yoga

E' GIUSTO CHE OGNUNO SEGUA LA PROPRIA STRADA SE QUESTA  AIUTA AD ESSERE MIGLIORE NEL SENSO OGGETTIVO DELLA SCIENZA SACRA. MA SE C'E' LA VERA COMPRENSIONE ALLORA L'UOMO  SA ANCHE CHE COME LA SUA CI SONO ALTRE INFINITE STRADE E CON AMORE AMA E ONORA TUTTI I SINCERI RICERVATORI DEL VERO.

Al momento della creazione, l'Essere Supremo, Dio, l'Assoluto Principio, espande
la Sua energia sotto forma di Kala, ( il Tempo in divenire ) e agitando con lo sguardo la Sua energia Dinamica,Prakriti,
composta dalle tre caratteristiche della natura, tamas, rajas e sattva guna, il mahat-tattva ( il mondo fenomenico) diventa manifesto.Uddhava Gita

 

Possiamo da ciò dedurre che i tre guna sono gli archetipi stessi della creazione e i pilastri dell’esistenza. Essi quindi nella loro funzione originaria sono: Tama guna, MASSA, ovvero solidità, compattezza, staticità, permanenza ( senza le quali non potrebbe esserci la tridimensionalità dello spazio ). Raja guna, ENERGIA, ovvero forza. dinamicità, azione, spinta, movimento ( che permette il creare e trasformarsi degli eventi e cose ). Sattva guna, COSCIENZA, ovvero intelletto, ragione, concetto, pensiero ( tutto ciò che genera scopo, intento, consapevolezza ). I tre guna, poi vengono impastati in infiniti modi dagli esseri viventi di ogni specie creando infinite varietà di flora e fauna e innumerevoli caratteri di tipologie umane. Tutto ciò scorre sul nastro della pellicola del Tempo,Kala che crea l’illusione della successione degli attimi e della loro diversità. ( se tutto apparisse nello stesso attimo non ci sarebbe nessuna diversità )

 

 

 

Testi della Bhagavad-Gita capitolo Secondo; Krshna istruisce il discepolo Arjuna.

11_Nonostante ti sia sapientemente espresso, ti stai lamentando per ciò che non merita rimpianto. Il saggio non si lamenta né per i vivi, né per i morti.

12_Non ci fu mai un tempo che io, né te, né nessuno di questi re e guerrieri ( tutte le persone )non sia esistito e né in futuro nessuno di noi cesserà di esistere.

13_Allo stesso modo che l’essere vivente nel corpo passa dall’età infantile all’età adolescente e alla vecchiaia, l’anima indossa un nuovo corpo dopo la morte. Il sobrio saggio non è sconcertato da questo cambiamento.

14_O Arjuna, gli incessanti cicli di felicità e angoscia si susseguono come il cambio delle stagioni dall’estate all’inverno e sono generati dalla sensazione dei sensi in contatto con i loro oggetti; bisogna imparare a tollerare questi stati d’animo senza esserne condizionati.

15_Colui che non è turbato sia nella sofferenza che nella gioia, ma è indifferente ad entrambe è certamente idoneo per raggiungere la liberazione.

16_Veggenti che conoscono la Verità, studiando la natura delle cose, hanno stabilito che ciò che è fenomenico/temporale non esiste e ciò che esiste/reale non cessa mai.

17_Sappi che ciò che pervade il corpo intero è indistruttibile e quindi eterno; niente può distruggere l’anima imperitura.

18­_Solamente il corpo fisico è soggetto alla distruzione (quindi non esiste), mentre la sua anima è indistruttibile, senza dimensioni tridimensionali,( non misurabile ) infinitesimale ed eterna ( quindi esiste ); conoscendo ciò combatti, o discendente dei Bharata.

19_Chiunque pensi che l’anima possa uccidere un’altra anima o essere uccisa ignora il fatto che il Sé reale non uccide né può essere ucciso.

20_L’anima non nasce e non muore, né riappare quando il corpo rinasce; essa è non nata, eterna, indistruttibile e senza tempo; non è distrutta quando il corpo perisce.

21_O Partha, conoscendo che lo Spirito è indistruttibile, non nato, eterno ed immutabile, come puoi pensare che possa essere ucciso o uccidere?

22_Allo stesso modo che ci si cambia di abito indossandone uno nuovo e lasciando quello logoro , l’anima si riveste di un nuovo corpo abbandonando quello inutile e vecchio.

23_L’anima non può essere ferita da nessuna arma, bruciata dal fuoco, bagnata dall’acqua, né asciugata dal vento.

24_Essa non può essere divisa né dissolta; è permanente, immutabile, immobile e eternamente la stessa.

25_L’anima è impercettibile, inconcepibile, immutabile; conoscendo tutto ciò non devi affliggerti per il corpo.

26_Anche qualora tu pensassi che l’anima perpetuamente nasce e muore, non avresti comunque nessuna ragione per lamentarti.

27_Per certo ciò che nasce muore e ciò muore rinasce; di conseguenza non devi lamentarti nel compiere l’inevitabile tuo dovere di guerriero.

28_Tutti gli esseri creati/i loro corpi, non esistono prima di esserlo stati; sono manifestati solo nello stadio intermedio della loro vita e non lo sono più dopo la morte; dov’è dunque la necessita di lamentarne la scomparsa?

29_L’anima è strabiliante e meravigliosa; nonostante venga osservata e descritta in modo straordinario, molti non la concepiscono per niente.

30_L’anima che abita il corpo di tutti gli esseri viventi è eterna e non può essere uccisa; per questo non devi soffrire per nessuna creatura.

 

---------------------------------

 

 

Contatti e prenotazioni

Prema Dham

sede legale e operativa;

 

Strada di Santa Lucia 19

61122 Pesaro, ( PU ) località Ginestreto

 

Potete contattarci direttamente ai numeri:

Tel. +39 0721 1835097 

Cel. +39 389 8348645 Milena

 

o scriverci a: info@associazionepremadham.com

 

oppure inviateci la vostra richiesta compilando il modulo online.

Un grazie con amore a tutti gli amici e ospiti che con la loro presenza contribuiscono al successo di Prema Dham.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Prema Dham Strada di Santa Lucia 19 61122 Ginestreto di Pesaro codice fiscale 92149720417